L’Italia che vorrei

In occasione della sfida dell’Italia contro l’Albania in programma questa sera, torna la speciale rubrica di Voci di Sport “L’Italia che vorrei”. Tre dei nostri redattori proveranno a indossare i panni del c.t. della Nazionale italiana Giampiero Ventura e si metteranno in gioco ipotizzando la formazione che, secondo loro, potrebbe scendere in campo per mettere in seria difficoltà la squadra di De Biasi.

Belotti e Ajeti, compagni di squadra nel Torino, daranno vita ad un duello fondamentale per la conquista dei tre punti. (Fonte: tuttosport.com)

Vigliotti – La mia formazione ideale è un 4-2-4 con Buffon; Zappacosta, Bonucci, Barzagli, De Sciglio; De Rossi, Verratti; Candreva, Belotti, Immobile, Insigne.

Nonostante le innumerevoli assenze della squadra di De Biasi, l’Albania rimane un avversario molto insidioso e tutt’altro che facile da battere. L’infortunio di Mavraj, rimasto ad Amburgo a causa di un problema fisico, toglie ai nostri avversari quello che probabilmente è il difensore più affidabile dell’intera rosa albanese, che comunque dispone di un buon reparto arretrato; basti pensare che nella precedente sfida contro le Furie Rosse della Spagna ha retto per 50 minuti all’urto di Ramos e compagni. Considerando le squalifiche di Berisha e Djimsiti, inutile dire che i miei ragazzi dovranno spingere molto in fase offensiva per mettere in difficoltà i numerosi giovani di cui dispone l’Albania.

De Rossi, a causa degli innumerevoli impegni tra campionato, Europa League e Coppa Italia, fisicamente non è al meglio, ma non me la sento di rinunciare ad un giocatore chiave come lui per il nostro centrocampo. A Verratti chiedo di supportare e di spingersi maggiormente più avanti rispetto al compagno di squadra romanista e, con una buona circolazione di palla al massimo a due tocchi, sarà anche più facile per le fasce trovare spazio nella retroguardia avversaria. L’assenza di Chiellini mi costringe a schierare come centrali di difesa Bonucci e Barzagli, mentre sulle fasce confido molto nel grande apporto in fase di interdizione di De Sciglio e nell’ottimo momento di forma di Zappacosta. La chiave tattica della partita ruota intorno a due duelli in particolare che, se riuscissimo a vincere entrambi, la conquista dei tre punti sarà assolutamente alla nostra portata: il primo è quello tra Insigne ed il compagno di squadra al Napoli Hysaj, mentre il secondo grava sulle spalle di Belotti e Ajeti, rispettivamente attaccante e difensore del Torino (che Ventura conosce bene).

Ciro Immobile è attualmente il capocannoniere dell’Italia in questa fase a gironi. (Fonte: laziochannel.it)

Izzo – La mia Italia scenderà in campo con un 4-4-2: Buffon; Zappacosta, Bonucci, Rugani, Darmian; Candreva, De Rossi, Verratti, Spinazzola; Belotti, Immobile.

Vietato sbagliare. La Nazionale torna in campo dopo cinque mesi e debutta nel 2017 con un impegnativo match valido per le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018 contro l’ostica Albania di Gianni De Biasi, che fin qui ha recitato il ruolo del terzo incomodo insieme all’Israele. La strada verso la rassegna iridata è più tortuosa che mai per la nostra Nazionale, ragion per cui è fondamentale mettere in tasca i tre punti e rimanere in scia della Spagna, impegnata in casa contro l’Israele. Dopo un inizio positivo per gli azzurri nel gruppo G – con tre vittorie e un pareggio nelle prime quattro giornate – la sfida con l’Albania rappresenta un banco di prova che dirà molto circa le reali possibilità dell’Italia di lottare con le Furie Rosse per il primato in classifica nel girone.

Dopo la partita con le aquile rossonere in programma questa sera allo stadio Barbera di Palermo, l’Italia volerà all’Amsterdam Arena per affrontare in amichevole i padroni di casa dell’Olanda. Proprio con un test amichevole vinto 2-0 contro gli Orange al San Nicola di Bari si aprì l’era Conte in Nazionale, di cui Ventura ha confermato buona parte del gruppo, risultando particolarmente abile e paziente nell’integrare i sempre più numerosi giovani di talento che hanno dimostrato di meritare una chance in maglia azzurra. Tra essi figurano i vari Donnarumma, Rugani, Romagnoli, Zappacosta, Bernardeschi e Belotti, oltre alle novità Meret, Spinazzola, Gagliardini, Verdi e Politano. Indossando i panni del nostro ct Ventura, negli impegni con Albania e Olanda adotterei un 4-4-2 compatto e ben organizzato, con Buffon tra i pali, Bonucci e Rugani al centro della difesa e Zappacosta e Darmian sulle corsie esterne. In mezzo al campo spazio all’esperienza di De Rossi – perno indispensabile per questa Nazionale – e alle geometrie di Verratti, con Candreva e la new entry Spinazzola sulle fasce. In avanti spazio all’ormai più che rodata coppia d’attacco composta dai gemelli del gol, il Gallo BelottiImmobile.

L’esterno dell’Atalanta Spinazzola è pronto a fare il suo debutto in Nazionale. (Fonte: bergamonews.it)
Rossoni – L’Italia che ho in mente se la giocherà con un 3-4-3: Buffon; Barzagli, Bonucci, Rugani; Zappacosta, De Rossi, Verratti, Spinazzola; Candreva, Belotti, Insigne.
Contro l’Albania non sarà una gara facile: la squadra di De Biasi ha grande talento e dovremo stare attenti a non sottovalutare il match, di fondamentale importanza per il nostro cammino verso la qualificazione a Russia 2018. Il nostro obiettivo è chiaro: vincere per poter rimanere attaccati alla Spagna e giocarci il tutto per tutto nella gara di ritorno.Per la partita di stasera ho deciso di optare per un inedito 3-4-3. La nostra forza parte dalla difesa, con il blocco Juve a proteggere i pali: davanti a Gianluigi Buffon infatti, ho deciso di schierare i tre bianconeri Barzagli, Bonucci e Rugani, che conoscono alla perfezione i movimenti e le posizioni da mantenere in una linea a tre. La vera novità è sulle corsie esterne, dove troveranno spazio nell’undici di partenza Zappacosta e il debuttante Spinazzola. I due esterni stanno vivendo una stagione incredibile con le maglie del Torino e dell’Atalanta: premiarli, soprattutto in questo momento, mi sembra più che lecito. Inoltre, entrambi i laterali permettono sia una grande spinta in fase offensiva, sia un’attenta copertura durante il possesso palla avversario. A centrocampo, insieme alla regia e al talento di Marco Verratti, ho deciso di affiancare il leader massimo di questa Nazionale: Daniele De Rossi. In attacco, impossibile fare a meno del “Gallo” Andrea Belotti, il centravanti più completo e la punta ideale per lo stile di gioco della mia Italia. Dispiace non schierarlo in coppia con Immobile, un altro che di gol se ne intende, ma ho preferito affiancargli due esterni offensivi come Insigne e Candreva che, con la loro imprevedibilità tattica, faranno di tutto per servire al meglio la punta granata.

Fonte foto in apertura: ilpost.it

Questo sito utilizza dei cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare sul sito autorizzi automaticamente l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi