Federugby, il presidente Gavazzi: “Non c’è sede migliore di Catania per Italia-Fiji”

Dopo ventitré anni la Sicilia torna ad essere palcoscenico di un grande test-match internazionale di rugby, ospitando il debutto nella stagione 2017-18 della Nazionale di Conor O’Shea.

Sabato 11 novembre lo Stadio “Angelo Massimino” di Catania, una delle piazze storiche del movimento rugbistico italiano e siciliano, sarà teatro del Credit Agricole Cariparma Test Match tra gli Azzurri e le Fiji, primo impegno del trittico autunnale che vedrà l’Italrugby affrontare nelle settimane seguenti l’Argentina a Firenze (18 novembre) ed i due volte Campioni del Mondo del Sudafrica a Padova (25 novembre).

Il capoluogo etneo riceverà l’Italia per la settima volta nella propria storia – l’ultimo precedente è datato 1994, quando la Nazionale superò la Romania per 24-6 – ma la sfida con le Fiji segna la prima volta del grande rugby internazionale in Sicilia dall’avvento del professionismo.

L’appuntamento novembrino, organizzato da FIR in sinergia con Regione Siciliana e con la partecipazione del Comune di Catania, coinciderà con il dodicesimo scontro diretto tra l’Italia ed i funamboli del Sud Pacifico, con l’ultimo precedente risalente appena allo scorso giugno quando nella capitale figiana di Suva il XV isolano si impose allo scadere sugli Azzurri per 22-19.

“Lo sviluppo e la promozione del rugby nel nostro Paese rimangono la prima e più importante missione della FIR – ha dichiarato il Presidente della FIR, Alfredo Gavazzi in una nota inviata a Voci di Sport– e non avremmo potuto sperare in una sede migliore di Catania per la partita contro Fiji. Siamo entusiasti di poter riportare la nostra Nazionale al Sud dopo una lunga assenza e certi che il pubblico siciliano risponderà con l’affetto ed il calore tipici di questa terra meravigliosa alla chiamata della Nazionale. Voglio ringraziare la Regione Sicilia e l’Assessore Anthony Barbagallo che hanno voluto fortemente riportare il grande rugby in questa straordinaria isola ed il Comitato Siciliano ed il suo Presidente Orazio Arancio per aver contribuito con impegno e passione a sostenere la candidatura della Sicilia, ad ospitare una partita fondamentale per la nostra Nazionale, determinata ad iniziare nel migliore dei modi la propria stagione”.

“Sono orgoglioso e felice che la Sicilia torni ad essere palcoscenico di un grande test-match internazionale ospitando, l’11 novembre prossimo, nello Stadio “Cibali” di Catania la Nazionale Italiana Rugby che sfiderà le Fiji. Da ex giocatore di rugby avere la Nazionale nella mia isola e soprattutto al “Cibali”, dopo ventitré anni di assenza, significa coronare il sogno di una vita. Sono sicuro che sarà certamente una grande festa di sport che coinvolgerà appassionati e non ma soprattutto sarà un’occasione per far conoscere e promuovere il rugby e i suoi valori ai tanti giovani che riempiranno gli spalti  dello stadio. Ringrazio il comitato organizzatore e chi ha permesso che il Sud  potesse tornare ad essere nuovamente protagonista con un appuntamento così importante a cui i siciliani risponderanno certamente con grande entusiasmo” ha dichiarato l’Assessore allo Sport e Turismo della Regione Siciliana, Anthony Emanuele Barbagallo attraverso la stessa nota pervenuta alla nostra redazione.

Si ringazia Andrea Cimbrico Responsabile Ufficio Relazioni Media FIR per il testo e la foto dell’articolo

Redazione

Giornale giovane e indipendente diretto da Andrea Motta. La nostra missione? Raccontare il meglio del calcio e di tutti gli altri sport con completezza e tempestività.

Questo sito utilizza dei cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare sul sito autorizzi automaticamente l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi